• CONTATTI
  • 06.66166560
  • Via Angelo Bargoni, 8 | scala B – interno 14

Ultime Notizie

Vita di condominio e Normativa

Come recuperare i crediti condominiali attraverso il decreto ingiuntivo

Come recuperare i crediti condominiali attraverso il decreto ingiuntivo

La tendenza dei condomini di sottrarsi al pagamento delle spese comuni, a torto ritenute estranee alla sfera privata, è costume noto, così come è provato il disinteresse degli stessi per le conseguenze che tale comportamento determina sulla collettività.

Problematiche connesse

Questo fenomeno è divenuto negli ultimi anni, in ragione della crisi finanziaria, ancora più evidente e ciò ha portato gli amministratori, sempre più di frequente, a ricorrere a mezzi forzosi per il recupero di morosità sempre più consistenti.

Alla base delle insolvenze, quindi, vi sono sostanzialmente due fattori: la contingente difficoltà economica e la errata cognizione del concetto di bene comune, che porta a ritenere che gli effetti negativi del mancato mantenimento in efficienza di quanto non sia di proprietà esclusiva, non abbia alcuna ricaduta nella sfera personale. Ed è assai difficile fare comprendere, a chi si pone in questa posizione, che tale opinione non porta da nessuna parte, o meglio, che questo modo di intendere la vita condominiale non può che danneggiare, irrimediabilmente, anche i propri interessi, poiché il valore economico della proprietà esclusiva è inscindibilmente collegato a quello della proprietà comune.

Rapporto tra decreto ingiuntivo e mediazione

Il procedimento di ingiunzione, per espressa disposizione legislativa e come previsto dall’art. 5, co.4, lett.a) di cui al D.Lvo n. 28/10 come modificato dalla L. n. 98/13, non è soggetto alla mediazione obbligatoria. Tale esenzione, tuttavia, è limitata alla fase meramente sommaria, che si esaurisce con l’emissione del decreto ingiuntivo mentre, laddove vi sia stata opposizione da parte del debitore e prenda avvio la cosiddetta fase di merito o cognitiva, l’apertura della mediazione obbligatoria coincide con il momento in cui il giudice revoca o conferma la provvisoria esecuzione del provvedimento ingiuntivo.

L’obbligo, quindi, non può che sorgere con la prima udienza di comparizione relativa al giudizio di opposizione, nel corso della quale il giudice fisserà, senza indicare i soggetti tenuti all’incombente, i relativi termini di legge per avviare la procedura conciliativa (la formula di prassi utilizzata, infatti, è “il giudice assegna alle parti il termine di 15 giorni per procedere alla mediazione….”).

A questo proposito si è posto l’interrogativo se la domanda di mediazione debba essere presentata dal condominio (soggetto opposto ed in quanto tale attore in senso sostanziale) ovvero dal condomino che ha subito l’ingiunzione di pagamento (soggetto opponente ed in quanto tale convenuto, sempre da un punto di vista sostanziale). Ed ancora si è profilata la questione concernente l’effetto di una mancata attivazione della mediazione, nei confronti del decreto ingiuntivo...

leggi tutto: Anaci Roma, Come recuperare i crediti condominiali attraverso il decreto ingiuntivo

Condividi!

by Staff

ORARIO AL PUBBLICO

orario al pubblico

Al fine di ottimizzare i servizi resi, lo studio è aperto al pubblico con i seguenti orari:

  • Lunedì e Mercoledì
    dalle ore 15:00
    alle ore 17:00
  • Martedì e Giovedì
    dalle ore 10:00
    alle ore 12:00